ASPETTANDO IL NUOVO ANNO

Cosa c’è di meglio che aspettare il nuovo anno con un bel libro? I libri ci fanno compagnia, se uno ama leggere non conosce la noia né la solitudine. La mia casa è piena di libri, alle volte penso che ne sono troppo affezionata ma poi mi assolvo subito perché all’interno di ogni pagina ho trovato qualcosa che mi ha aiutato a crescere. La mia biblioteca è vasta e spazia dalla narrativa alla saggistica, dalla teologia alle scienze orientali, un libro per ogni momento, una riflessione per ogni occasione. I libri dello svago sono in salotto, dove mi concedo di adagiarmi mollemente sul divano e di prendermi cura di me attraverso le pagine di narratori e narratrici. Lo studio è invece dedicato alla lettura di saggi e di aggiornamenti per il mio lavoro ma in ogni caso sono tutti elementi di piacere. Ogni volta che prendo in mano un libro entro in un mondo, non importa se di fantasia o di approfondimento, se scritto da Maestri o da semplici persone che hanno voglia di condividere un pezzettino della loro storia o della loro anima.

Il libro che vi voglio suggerire per questi giorni di festa è “Le bambine e i bambini pensano in un altro modo[1]. Scritto da Frato (Francesco Tonucci, grande pedagogista e vignettista). Ci porta nel mondo infantile e dentro il pensiero dei bimbi. Quante volte non sappiamo ascoltarli, non teniamo conto delle loro parole e delle frasi che apparentemente sono buttate lì quasi senza motivo. Dovremmo aprire di più i nostri sensi per ascoltare e guardare i bambini. Tonucci ci aiuta in maniera simpatica a riflettere su tante parole che i più piccoli dicono, li aiuta a farsi sentire e lo fa con cura e delicatezza, con il tocco sapiente della sua matita. Un paio di segni e tutto è già detto.

Leggetelo, è un piacere e un motivo di riflessione per i buoni propositi dell’anno a venire.


[1] Francesco Tonucci, LE BAMBINE E I BAMBINI PENSANO IN UN ALTRO MODO. FRATO 2000 Zeroseiup, Bergamo, 2020