LA VITA ADULTA È SCRITTA NEI GIOCHI DEI BAMBINI

Tempo d’estate, ci si diletta con le letture. Ho appena finito di gustare il libro di Gustavo Pietropolli Charmet “Il motore del mondo “[1]. È un testo che può essere utile ai genitori di preadolescenti e adolescenti. La forza di questo autore è data in primis dalla sua lunghissima esperienza di psicoterapeuta dell’adolescente e in seconda battuta dalla capacità narrativa di presentare mezzo secolo della nostra storia. Attraverso i racconti a sfondo autobiografico, sempre intrecciati alle storie dei suoi giovani pazienti, Charmet aiuta il lettore ad entrare nell’evoluzione del mondo educativo, culturale e scolastico. È una lettura che scorre via e lascia il desiderio di incrociare la propria esperienza con quella di chi scrive.

A questo proposito sono rimasta molto colpita dal racconto che Charmet fa del suo gioco preferito quando era bambino: la costruzione della pista di sabbia per il gioco delle biglie.

A lui piaceva costruire la pista, organizzare la gara ma non necessariamente parteciparvi. Da adulto si è ritrovato ad organizzare, dirigere, condividere sempre con le equipe, supervisionare, valutare. Quel gioco che amava da bambino è diventato il paradigma della vita, in definitiva “era già stato scritto”.

Stimola ognuno di noi ad osservarci . Ad esempio io mi ritrovo, i miei giochi di bimba mi portavano a creare situazioni in cui aiutavo le persone, ero crocerossina, maestra per bambini soli, gestivo un asilo per orfanelli (le bambole si intende) ma in contemporanea andavo a caccia di rane nei fossi e mi arrampicavo sugli alberi, poi scrivevo sia le mie avventure che i report fantastici su improbabili moleskine confezionati da me con vecchi fogli . Gli esordi del riciclo!

Da adulta suddivido le mie giornate tra le consulenze ai genitori e insegnanti, arrampico sulle mie montagne e scrivo, scrivo , scrivo…

Era già tutto scritto in quei giochi di bimba….


[1] Gustavo Pietropolli Charmet, IL MOTORE DEL MONDO. Come sono cambiati i sentimenti, Solferino,Milano,2020