PER LA NANNA SOLO CON LA MAMMA

Buongiorno,

siamo una coppia di genitori, abbiamo un bambino di 4 anni che sta crescendo bene. Abbiamo solo un piccolo problema: la sera prima di andare a letto vuole solo la mamma e non lascia che il padre si avvicini nemmeno. A noi dispiace molto questo fatto, anche perché vorremmo poter fare tutto assieme, abituare il bambino a stare con uno o con l’altro in maniera uguale, ma non se ne parla. Quando arriva l’ora della nanna, dopo aver lavato i dentini e indossato il pigiama il piccolo piange che vuole la mamma. A nulla valgono le paroline dolci, le coccole. Ovviamente se la mamma deve uscire la sera sono pianti e strepiti a non finire e se si addormenta lo fa per sfinimento.Cosa possiamo fare?

Gentili genitori,

dando per scontato che durante la giornata il bambino possa avere occasione di stare con il suo papà, di fare alcune cose solo loro due, magari la lotta di tanto in tanto, il gioco del pallone, qualche giro in bici solo per loro; provate a strutturare un rituale preciso prima della nanna.

Ad esempio si vanno a lavare i dentini e si mette il pigiama con il papà, poi tutti assieme si va in camera a leggere una favola.

Nel momento in cui voi non insistete e non create una situazione muro contro muro, che faccia sentire il bambino “in pericolo” (è una parola grossa, ma la percezione infantile di non trovare la mamma al suo risveglio può essere importante), il bimbo si potrà predisporre ad una routine fatta prima di tutto di tanta tranquillità. Fate le cose assieme, garantendo una presenza di entrambi, poi iniziate pian piano a proporre la favola con l’uno o con l’altro, ma senza rimanere male se arriva un rifiuto. Non è colpa del bambino e questo deve essere molto chiaro, pertanto come adulti sarà importantissimo non prendersela e non pretendere cambi repentini. Attivate la routine, attivate la pazienza e piano piano il vostro piccolo si abituerà anche a dormire da solo.